biografia

Ivo Bonino nasce ad Almese  (Valle di Susa)  nel1950, dove vive e lavora, pittore fin dagli anni1970,  al suo attivo ha oltre cinquanta  mostre personali in Italia e all’estero, nonché innumerevoli collettive con gruppi italiani e stranieri.

La ricerca pittorica viene da lontano

ed amalgama, nell’attuale esperienza figurativa, recessi astratti e informali, che pur abbandonati per mille motivi, ritroviamo ancora presenti in certe campiture di colore e nelle profondità prospettiche dei suoi dipinti.

Recensione Arianna Castagno mostra Cherasco

Recensione Arianna Castagno mostra Cherasco

recensione ICARDI

.. Ivo Bonino

animo gentile ed elegante...

 

 

uomo e pittore...

non riesco a parlare dell’uno o dell’altro, per me Ivo Bonino è “semplicemente” così,

uno spirito nobile e fiero, animo pienamente espresso nelle sue opere.

Conosco l’artista da molto tempo, le sue opere sono mutate, si sono evolute, si sono

complicate, ma una cosa è rimasta invariata, l’anima con cui egli rappresenta la natura.

Di fronte ad un’opera di Ivo Bonino rimaniamo sbalorditi per la rappresentazione

imponente di Madre Terra, LEI, viva e feconda è resa dolce dall’uso del colore, steso a

strati leggeri, colori accostati con maestria e sapienza di chi vive veramente e

intensamente ciò che rappresenta.

La tavolozza è completa, tuttavia e dolce e ricercata, ogni pennellata è studiata,

pensata e messa al posto giusto, esattamente collocata dove deve essere.

Il risultato globale è di estrema gioia, la stessa del Bonino uomo, sempre composto, colto

e dalla parola collocata al momento e nel posto giusto.

Ivo Bonino è “l’Intenso” che tutti vorrebbero conoscere, la persona che tutti vorrebbero

per consigliera.

...personalmente...con un’ opera di Ivo Bonino sulla parete di casa ho sempre con me

una parte del suo animo... gentile ed elegante...

 

Alessandro Icardi

recensione M.Salvati

  I paesaggi di Ivo Bonino esistono e non esistono. Esistono in quanto

hanno una loro fondamentale realtà, composta da elementi

naturali che la caratterizzano in quanto tale: alberi, rocce,

torrenti, nuvole, fiori. Non esistono perché questi paesaggi non

sono la rappresentazione esatta di un dato oggettivo ma sono la

rielaborazione, profonda e spirituale, di un sentimento, di un

ricordo fugace, d’innamoramenti. Ivo Bonino li trasforma a suo _

piacere per creare una sorta di Eden dove l'uomo può riposare e

ritrovare se stesso. E dove si può cercare la pace? Nel

contemplare l’ambiente in cui vivi, nel saper decifrare i segni

lasciati dalle pieghe del tempo sul territorio, nel suo trasformare

ogni cosa aiutato dal lavoro instancabile dell' uomo.

I paesaggi di lvo sono, dunque, appunti di memoria. Quella che

l'artista ritrova nella quiete del suo studio elaborandone ogni

contenuto, ogni frammento assegnandogli, infine, una struttura

definitiva che si muta in pittura, in linguaggio segnico

comprensibile a tutti, perché la sua 'memoria' è anche la nostra.

Una pittura moderna, capace di infrangere i ritmi della

tradizione per cercare e trovare altre soluzioni formali e

stilistiche.

Quadri che sono veri atti d' amore verso l'ambiente in cui l'artista

vive. I paesaggi della Provenza, della Toscana o della Valle di

Susa vanno custoditi e difesi a spada tratta per le future

generazioni, per questo sono raffigurati con passionalità e

ardente intensità. Quello che colpisce davvero nella pittura di lvo

Bonino, al di là del suo talento chiarissimo ed indiscutibile, è la

capacità di trasmettere un’emozione forte, fortissima: la stessa da

lui sperimentata quando, per la prima volta, si è trovato di fronte

al fascino, esuberante e fisico, di un campo di lavanda, di un

ulivo, di una collina, di un lago.

Non esiste imitazione nei quadri di Bonino ma una libera

interpretazione di una realtà tangibile che si costituisce in oggetto

estetico e, in quanto tale, plasmabile a piacimento. Egli privilegia

spazi che hanno personalità, ne esplora l'essenza e il carattere per

poi trasmetterceli in un gioco impetuoso di colori caldi e

appassionati che assumono i contorni netti di limpidi corsi

d'acqua, di alberi secolari, di campi coltivati stretti in un esile

lingua di cielo.

l paesaggi di Ivo Bonino, dunque, esistono e non esistono. Esistono

perché abbiamo la fortuna di poterli ammirare in prima persona.

Non esistono in quanto altro non sono che 'luoghi perfetti' dove

noi tutti vorremmo vivere ma, purtroppo, solo i sogni possono

raggiungerli.

                                         Marcello Salvati

                                              Ottobre 2004

Visite